Per tutti quelli che il voto il voto

Vi tranquillizzo, basterà aspettare tre mesetti. Altro che 2018, oltre quelli non si andrà.

Premetto che condivido per larga parte le riflessioni di Luca Sofri e Francesco Costa. L’unica ragione possibile per non opporsi troppo a questa svolta repentina e, se vogliamo, un po’ crudele (alcuni hanno usato la metafora cruenta della giraffa di Copenhagen) è che siamo tornati in equilibrio: il partito di maggioranza, il Pd, esprimerà il presidente del Consiglio senza malintese contraddizioni, visto che il segretario ora non dovrà più confrontare la sua linea (peraltro inascoltato) con l’ex vicesegretario. Ovvero con il fu numero due di un partito scomparso da molti mesi.

Quindi, niente più scuse. Niente più reti, paracadute o quel che volete.

Se Matteo Renzi non dovesse convincere e fallisse nell’impresa (riforma elettorale, almeno; magari abolizione del Senato, delle nomine dietro l’angolo non dico perché di quelle il popolo sovrano nulla capisce e nulla sa) sarà il diluvio. Alle Europee.

Manca poco.

Schermata 2014-02-15 alle 12.56.39

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s