Doing Business On The Rocks

Classifiche, che passione. Specialmente se si scalano posizioni. Come nel ranking del Doing Business 2016, il report della Banca Mondiale che confronta – lo dice la parola stessa, per citare il Ferrini di Quelli della Notte – la facilità di fare impresa in relazione alla complessità della regolamentazione.

Cosa analizza in particolare il Doing Business? “La disciplina normativa e fiscale che si applica alle imprese durante il loro intero ciclo di vita: dall’avvio di un’attività, fino all’accesso al credito, il commercio internazionale, il fisco, il registro dei titoli di proprietà, la tutela di chi investe. Undici i sottoindicatori che compongono l’indice globale di competitività”, è la definizione del Sole 24 Ore.

Questo è quel che misura:

Schermata 2015-10-28 alle 13.20.10

E cosa non misura?

Schermata 2015-10-28 alle 13.19.51

Quindi, per sgomberare il campo dagli equivoci, macroeconomia e finanza non c’entrano nulla, c’entrano mercato del lavoro, facilità di ricevere credito, protezione degli azionisti di minoranza e altre amenità (scherzo eh) del genere.

Cosa è successo quest’anno?

Scorrendo il pdf del rapportone si scopre che:

Schermata 2015-10-28 alle 13.20.36

Ehi, c’è anche un capitolo apposta titolato così:

Schermata 2015-10-28 alle 13.18.43

E si spiega, a pagina 27 del documento:

Schermata 2015-10-28 alle 13.35.13

Insomma, è cambiata la metodologia, QUINDI, uno dovrebbe pensare, non si possono confrontare le classifiche, diciamo quella dell’anno scorso con quella di quest’anno, ok?

Su questo dovremmo essere d’accordo.

Arriviamo al dunque. Come è andata l’Italia? Si è piazzata 45esima su 189:

Schermata 2015-10-28 alle 12.16.52

L’anno scorso era 56esima. Più 11 posizioni, è aritmetica. Tripudio? Gaudio? Esultanza? Un momento, andiamo alla profilo completo sul Paese e leggiamo questa tabella, fino in fondo:

Schermata 2015-10-28 alle 13.48.41

Mi pare di capire (aiutatemi) che le cose stiano un po’ diversamente. Il metodo è cambiato, quindi non guadagniamo posizioni, anzi, ne perdiamo una.

Guardate qua, in pratica scivoliamo ovunque tranne che all’indicatore enforcing contracts, in pratica i progressi nella pur disastrata giustizia civile, dove scaliamo posizioni (ma da quota 124 a 111, sempre su 189) grazie all’introduzione del processo civile telematico e allo snellimento delle procedure relative alla risoluzione delle cause lavorative, merito del Jobs Act:

Schermata 2015-10-28 alle 12.07.20

E il Governo? Ha preso per buona l’interpretazione favorevole o sfavorevole?

Ecco la risposta:

Schermata 2015-10-28 alle 13.42.16

Schermata 2015-10-28 alle 13.42.28

Infine diamo uno sguardo alla mappa riepilogativa:

Schermata 2015-10-28 alle 15.24.39

Il colore dell’Italia, si noterà, è più simile a quello di Grecia, Turchia, Marocco, Sudafrica e Russia piuttosto che a quello delle economie occidentali. Ora, il cammino delle riforme del governo Renzi, in fondo, è appena cominciato. Non resta che rinviare il giudizio alle prossime edizioni del rapporto della Banca Mondiale.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s