Tagged: Pd

Superare nei prossimi dieci anni la Germania

http://www.europaquotidiano.it/2013/08/07/matteo-renzi-alla-festa-dem-di-bosco-albergati-video/

Matteo Renzi è tornato dopo un lungo silenzio. Dal minuto 18.45 al 19.15 parla di Grecia per non deprimersi, Germania per crederci e Italia che non è da serie B. I giornali ovviamente hanno titolato su altro, ma a me è piaciuto, più di quando è tornato a parlare degli equilibrismi di partito e di palazzo. Che pure sono lì, ci mancherebbe, e logorano molto più tutti noi che Enrico Letta.

renzi

No, vi prego. Non litigate così (Su Renzi, Bersani, il Quirinale e il Pd a pezzi)

Matteo Renzi torna sulle pagine di Repubblica per bocciare, come se qualcuno ancora non lo avesse capito, la candidatura di Franco Marini alla presidenza della Repubblica. Posso comprendere che la cosa non gli vada a genio, ma temo che la tattica sia sbagliata. Temo che alzare i toni dello scontro, a meno che Matteo non punti a farsi cacciare dal Pd, non produrrà grandi benefici. Né per il sindaco di Firenze né per il partito nel quale tuttora milita. Tantomeno per il Paese, come ha sottolineato più volte il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi.

E neppure ha fatto centro, Renzi, ironizzando sulla candidatura di Anna Finocchiaro, che oggi gli ha risposto via Facebook:

Schermata 2013-04-15 alle 12.45.08

Non vorrei sembrare il sempreverde Nanni Moretti-Michele Apicella (“No, vi prego, non litigate”). E però se anche un fine conoscitore della politica come Antonio Polito, editorialista del Corriere della sera, twitta

Schermata 2013-04-15 alle 12.49.08

vuol dire che, beh, qualcosa proprio non va nelle ultime uscite di Renzi.

L’attenuante è un clima avvelenato nel partito, le tensioni fortissime sulle scelte di Pierluigi Bersani (governissimo no, governo di cambiamento sì ma con chi?), le critiche mosse dallo sconfitto delle primarie, le repliche via via più taglienti del segretario, ultime quelle pronunciate a Corviale sabato. Parole forti, in effetti. Renzi ha risposto così:

Schermata 2013-04-15 alle 12.55.56

Siamo agli stracci bagnati che volano, nel Pd. Mentre Silvio Berlusconi se la ride di cuore.

P.S. Questa mattina un mio amico, su Facebook, ha taggato un post della direttrice di YouDem, Chiara Geloni, sulla lettera di Renzi a Repubblica. Geloni è un’entusiasta di Bersani che in genere non esprime giudizi lusinghieri (sto utilizzando eufemismi) su chi ha raccolto poco meno del 40% dei consensi del partito al ballottaggio delle primarie del centrosinistra del 2 dicembre scorso (non anni fa). Mi sono permesso di fare un apprezzamento paragonandola alla guardia pretoriana di imperiale memoria. Atteggiamento che secondo me dovrebbe imbarazzare perché nel partito ci sono già tanti e troppi leader e viceleader che si menano fendenti. Devono farlo anche gli addetti alla comunicazione?

Apriti cielo.

Schermata 2013-04-15 alle 13.12.16

Ecco, questo è il clima nel Pd. Nervi scopertissimi. Per questo ho concluso:

Schermata 2013-04-15 alle 13.05.43

Perché anche io, come altri tre milioni, ho votato alle primarie e, morettianamente, insisto: “No, vi prego, non litigate”. Non mi pare che, a giudicare, dalle aperture dei siti mentre scrivo e dai titoli dei giornali degli ultimi giorni si sia scelta la strada della coesione. Errore tragico. Per l’Italia.

P.P.S. Ho cancellato quel giudizio dai commenti sul profilo del mio amico. Non per timore di ritorsioni, ma per rispetto delle altrui sensibilità.

Moralità è efficienza

Ovviamente si è sentito forte il botto procurato dall’intervista di Matteo Renzi al Corriere.

Ebbene, capiamoci.

Sul fatto che si stia guadagnando tempo per mettere la bandierina sul Quirinale mentre l’Italia in coma muore, come direbbe Bill Emmott, siamo d’accordo. Che Pier Luigi Bersani si sia lasciato umiliare in diretta streaming da una Roberta Lombardi qualunque è da sottoscrivere. Che gli otto punti siano pastura per i pesci, mentre – dico io – al famoso incontro con i Cinquestelle bisognava andarci con una sintesi concreta e stringente (non le solite metafore iperboliche) è da sottoscrivere.

“Il Pd – spiega Renzi – deve avere un sussulto di orgoglio: via il Senato, via le province, legge elettorale dei sindaci. Una gigantesca operazione di deburocratizzazione, con una grande scommessa sull’online. E un piano per il lavoro, che dia risposte al dolore delle famiglie e alle sofferenze delle imprese”. Tutto molto condivisibile.

Quel che non condivido affatto è “o Pdl o voto subito”. Non passa di qui la via d’uscita dallo stallo. Almeno non senza che qualcosa cambi.

Votare adesso, con questa legge porcata, è contro ogni logica e contro l’amor proprio. Significa volere davvero la fine dell’Italia. Quindi, in mancanza di accordi politici, se proprio non si può avere un governo Bersani di minoranza, meglio dieci saggi (anche se questi pare fossero gli unici col cellulare acceso a Pasqua) che scrivano una bozza di accordo sulla riforma elettorale. Non è una perdita di tempo, se poi si fa. Il Def, tanto, lo scrive il commissario europeo Olli Rehn sotto dettatura di Schäuble e Dijsselbloem.

Capitolo Renzi-Pdl e unica alternativa reale al passaggio precedente. “Io non voglio Berlusconi in galera. Voglio Berlusconi in pensione”. Partiamo da qui. Altrimenti, riflette Matteo, si dice mai con Silvio (scelta politicamente legittima, vista la storia degli ultimi mesi/anni) o lo si “vagheggia in manette”, mentre poi “ci si incontra di nascosto con Verdini”.

Quindi? Sì, Berlusconi (nonostante sia stato l’artefice della rimonta, lo so) faccia un passo non indietro, non di lato, ma avanti, verso il futuro del suo stesso partito. Una scelta encomiabile, tale da gettare le basi per un accordo a termine Pd-Pdl. Un biennio di governo fondato su un programma serio di riforme per rimettere in carreggiata il Paese e, di conseguenza, depotenziare lo tsunami. Pragmaticamente, vedete altre possibilità?

Infine, a quelli che ora danno, secondo me a torto, tutte le colpe al Pd e a Bersani (al quale peraltro ho già suggerito le dimissioni dopo il voto, quindi non devo ripetermi) ricordo solo che il Pdl, invece, vuole tornare alle urne subito proprio per non abolire il Porcellum, perché ragiona in termini di “ora i sondaggi ci danno avanti”. Grillo, il francescano, dovrebbe starci per amor di patria e invece no, perché con il ritorno del Mattarellum o con il doppio turno alla francese rischierebbe di essere fortemente ridimensionato. Capite? Fanno i furbi sulla carcassa della povera ragazza in coma.

“La vera moralità non è solo tagliare i costi; è rendere efficiente quel che fai”, dice Renzi nell’intervista di Aldo Cazzullo. Ecco, questa è la risposta. Ora, cari Pdl, Pd e Cinquestelle, seguano azioni concrete e responsabili.

dante_firenze

Quel che dovrebbe succedere adesso. Cominciando da Bersani

Non poteva andare peggio di così. Il Porcellum ha espresso tutta la sua forza devastratrice ed ecco che il Paese è di fatto ingovernabile. La conferma? Spread (quel numerino inutile e ininfluente, secondo Jocker B) subito su di 80-90 punti, rendimenti  dei Bot a 6 mesi (certo fissare un’asta per oggi, ce ne vuole di incoscienza) praticamente raddoppiati, indici di Piazza Affari affondati dalle banche. Siamo solo a metà giornata.

E adesso? Io la vedo così. Lasciar perdere qualunque sirena berluscona di larghe intese che porta diritto al baratro definitivo. Lo smacchiato di Bettola (Bersani ha perso anche lì, dicono che non è una novità, ma tant’è) rifletta qualche ora, poi rassegni le dimissioni e convochi un bel congresso straordinario del Pd in cui si danno le chiavi di casa a Matteo Renzi. Il rottamatore corra da Grillo e gli proponga il seguente patto: un anno (poi tutti liberi come prima) per fare le cose toste: dalla legge elettorale al conflitto d’interessi, dall’inasprimento della legge anti-corruzione alla riforma della riforma Fornero.

Ovviamente la parte regina la deve fare un piano di politica economica, che però non preveda agricoltura biologica per tutti e macchine a vapore. Ancora no, Beppe. Pensiamo prima al cuneo fiscale, per dire. Partiamo da imprese e lavoro. Per disinquinare c’è ancora un po’ di tempo.

Io credo che con buona volontà e umiltà (del Pd, che di fatto le elezioni – non so se lorsignori lo capiscono fino in fondo – le ha perse, come tutta la politica di Palazzo) si possa fare. Perché è chiaro che se invece non si fa (o peggio, si opta per l’accordo suicida con il Pdl, vissuto nel mondo civilizzato come sinonimo di disastro) non arriviamo vivi all’autunno. Forse nemmeno all’estate. E mi dite voi cosa ci si accomoda a fare in salotto, parlo ai Cinquestelle, se poi si appicca il fuoco?

L’alternativa al patto Pd-M5S è una tragedia greca (ogni riferimento è fortemente voluto) in cui i poteri forti con la P maiuscola – penso alle trame, anche internazionali, con cui abbiamo familiarizzato qualche decennio fa – potrebbero lasciarsi attraversare la mente dalla prospettiva di usare dei modi, diciamo, inurbani per rimettere le cose a posto, almeno per un po’. Vogliamo correre questo rischio? Davvero?

P.S. Per favore, la campagna elettorale è finita. Stop a battutine, nomignoli, bestiario e tutto il resto. Fate sul serio. Tutti. Adesso.

Schermata 2013-02-26 alle 12.39.30

1,72 euri al giorno

1,72 euri al giorno

Non so se sia una cosa seria l’indagine sui rimborsi regionali che ci affligge da mesi. Non so se davvero un consigliere possa ragionevolmente sostenere di avere speso una manciata di euro per offrire un Crodino in veste di rappresentante delle istituzioni. Più grave forse l’affitto di un box o quello di una macchina con autista per andare a un party. La Nutella, vabbé, resta una debolezza. Ma a ben vedere si arriva a indagare qualcuno per avere gettato al vento ben 1,72 euro al giorno in taxi, parcheggi, francobolli, un pernottamento. E’ il caso di Giuseppe Civati. Ora, se la legge assicura (fatto opinabile, certamente) un discreto ammontare di quattrini ai gruppi politici, beh, come si vuole poi che i consiglieri li spendano se non per muoversi, comunicare, organizzare eventi? E se poi le spese pazze, come le chiama giustamente Civati, addirittura ammontano a poco più del prezzo di un quotidiano al giorno, di che cosa stiamo parlando? No, non mi pare una cosa (troppo) seria.

L’Agenda Monti e qualche paradosso

Il sacro fuoco della politica che ha ormai rapito il premier uscente ci ha regalato poche ore fa un altro post sul suo sito Agenda Monti, annunciato ovviamente da un tweet. Bene, pian piano alcuni termini della sua salita in politica si rendono più espliciti. Anche se siamo ancora lontani dall’avere dissipato legittimi dubbi, non tanto sulla bontà dei presupposti quanto sull’efficacia dell’azione. Ecco, prendiamo il punto 3 e il 5, per esempio, a mio avviso alquanto contraddittori.

Punto 3. “La nuova formazione politica alla quale stiamo dando vita, adottando l’Agenda Monti come ispirazione per un programma di governo” intende “costituirsi come elemento di spinta per la trasformazione dell’Italia, in contrapposizione alle forze conservatrici”.

Molto bene. L’ambizione è tutto e al professore non fa difetto. Mi chiedo però come Mario Monti potrà convincere gli italiani – dopo averli salassati – a votare in massa e rendere effettivamente forza di governo una formazione politica in cui il principale interprete si guarderà bene dal correre il rischio di un flop elettorale, mandando avanti fanti e luogotenenti ben noti, che certo non entusiasmano (finora eh, aspettiamo le liste) per le qualità di riformatori a tutto tondo. Europeisti in sonno ce ne saranno anche, tra gli elettori, ma basterà a entusiasmarli la vaga promessa di un’Italia capace di tornare a essere “grande nazione”?

Punto 5. “ll nuovo movimento nasce con l’ambizione di raccogliere il consenso della maggioranza degli italiani”. Nel caso il colpaccio non riuscisse “cercheremo la convergenza con le forze politiche che adottino una linea d’azione compatibile con la nostra strategia europea”. E qui maliziosamente ci si potrebbe chiedere quali, visto che – paradossalmente – poche righe sopra il documento assesta un colpo a destra e uno a sinistra, mettendole congiuntamente nel gran calderone delle “forze conservatrici”, “prone ad interessi particolari,  a protezioni corporative o addirittura dichiaratamente anti-europeiste”.

Infine, a margine ma nemmeno troppo, il punto 4, che cita un punto debole classico delle forze moderate in Italia, il “carattere laico” della nuova formazione. Se lo difenderà con coerenza, Monti al momento buono dovrà fare i conti con la sponsorship d’Oltretevere. Un handicap non da poco. Lo si è visto in maniera ricorrente, per esempio, nel Pd e ancora prima nell’Unione, con le dissertazioni infinite tra partiti e correnti d’ispirazione cattolica e non.

Come dire, speriamo che di qui al varo definitivo delle liste riunite attorno all’Agenda Monti alcune scelte si chiariscano in maniera definitiva. E, soprattutto, la squadra del premier sia pronta ad avviare l’intensa stagione di riforme prospettata.

Monti-Agenda

Insieme possono governare

Lo ammetto. Non provo simpatia a pelle, per Matteo Renzi. Né mi emoziona la retorica di Pier Luigi Bersani.  Eppure la sensazione che ricavo dal confronto su Rai 1 (a tratti noioso, format rigido, Monica Maggioni così così, come sarebbe andata con un … Mentana?) è che insieme il segretario e il sindaco possano fare un Pd legittimamente e programmaticamente prima forza politica del Paese. In solitario, senza appendici. Né a sinistra né al centro. Il match, corretto nei modi, a momenti è stato duro, durissimo.

Il giovane sfidante non ha risparmiato colpi bassi (rischio di fare la fine dell’Unione, mancata legge sul conflitto d’interessi e assenza di una vera strategia in materia di politica industriale da parte dei passati governi di centrosinistra). Bersani ha replicato a tono, incazzandosi anche un po’, solo quando ha fatto notare al sindaco di Firenze che a furia di dare spallate rischia di far danni alla casa in cui sta. E certo, a Matteo non bastano le rassicurazioni sulla lealtà. Noi italiani, si sa, siamo levantini. Tutti. Da Palermo a Pordenone.

Alla fine, nonostante la stretta di mano, ha prevalso la freddezza. Effetto di un furore agonistico giustificato dalla consapevolezza che in campo, a parte Grillo, a giocarsela per le prossime elezioni ci sono soltanto loro. Però, io non escluderei ancora l’ipotesi di un ticket. Per quanto Bersani abbia chiuso la porta con un secco “macché”.

Pierluigi e Matteo farebbero una squadra ben assortita: esperienza, affidabilità, nervi saldi da una parte; energia, idee fresche, capacità di dialogo con un’altra parte del Paese dall’altra. Fassina, Orfini e… Bindi permettendo.

Mi ha convinto la Geloni

Avevo confessato a un caro amico, proprio qualche giorno fa: non voto alle primarie del centrosinistra, non mi piace prendere parte, con il mestiere che faccio. Poi questa mattina ho letto un tweet del direttore di YoudemTv, Chiara Geloni.

Immagine

E’ il tono che fa la musica. Direi, quell’arroganza infastidita di chi ha occupato seggiole e poltrone e si sente autorizzato a dare lezioni. Mi ha convinto subito @lageloni. Mi ha fatto cambiare idea.

A volte – sapete – bisogna correre il rischio, affrontare l’ignoto, nuotare in mare aperto. Accettare che del candidato non ti piaccia tutto di tutto. Ci si può anche accapigliare, a volte, tirare stracci. Si può discutere animatamente e criticare senza risparmiare nulla. “Vado a votare! Adesso!”, mi sono detto.

Fatto, in molto meno di #15minuti.

Gran senso di liberazione.

Serra, le Cayman e la politica

Davide Serra, gli hedge fund e le Cayman. Duro lavoro che frutta commissioni per quasi 17 milioni di sterline in un paio d’anni. Buon per lui, non sono in molti a potersi godere guadagni tanto lauti. Anche, mi permetta Serra, con altrettanto duro lavoro. Non è il caso di fare gli invidiosi, però. Le Cayman, in sé, non sono il vero problema.

Del resto, che colpa ne ha Serra se le regole della finanza internazionale consentono di muovere quattrini ai quattro angoli del pianeta e magari di scommettere contro – di shortare, direbbero i tecnici – i titoli di stato (e dunque i servizi pubblici, la sanità, le pensioni) di un determinato Paese per renderlo più debole e più povero. Di farlo affogare nell’acqua del suo debito, quel Paese. Debito colpevolmente esploso in anni spensierati, ma fino all’altro ieri distrattamente lasciato a ristagnare attorno al 120% del Pil senza che la cosa disturbasse troppo i mercati.

Muovere i quattrini nel supremo interesse degli investitori. Questo, detto molto rozzamente, è finanza. Talvolta – è il caso dell’attacco ai titoli di Stato dei Paesi cicala e pertanto rei, secondo una certa narrativa cara ai fogli d’informazione d’Oltremanica e d’Oltralpe) – arricchendosi del tutto lecitamente e rapidamente. Non che per forza il giovane e audace finanziere italiano prestato alla City di Londra debba essere tra coloro che hanno orchestrato la rapida ascesa dello spread tra BTp e Bund nell’estate del 2011, con tutto quel che ne è seguito. Non sia mai detto. Magari, al contrario, è tra coloro che hanno sostenuto la domanda dei titoli italiani quando tutti, ma proprio tutti, anche diverse banche italiane, cercavano di sbarazzarsene almeno un po’.

Né sia detto, per tornare alle sue argomentazioni sulle battute piuttosto grossolane (“Banditi tra virgolette, certa finanza non è trasparente”) del segretario del Pd Pierluigi Bersani, che Serra abbia torto a rinfacciare al navigato politico italiano una qualche corresponsabilità di Casta a proposito dell’evasione fiscale da record che negli ultimi decenni ha alimentato, insieme alla corruzione capillare, la spirale del debito pubblico.

Match pari, allora? Non proprio. Le sacre regole della finanza valgano nei circoli finanziari, non in politica. Soprattutto se la riservatezza concessa (fin troppo generosamente) a chi ama frequentare i paradisi fiscali diventa pretesto per una nuova cifra stilistica: cene semi-carbonare, in centro a Milano, di cui è protagonista un aspirante candidato premier.

Davide Serra, fondatore e managing partner del fondo Algebris